Ciclo idrico integrato
Informazioni all'utenza
ASSICURAZIONE SULLE PERDITE D'ACQUA A VALLE DEL CONTATORE
PROCEDURA PER L’AUTORIZZAZIONE DI SCARICHI INDUSTRIALI IN PUBBLICA FOGNATURA
COME LEGGERE LA BOLLETTA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
Fatturazione in acconto – metodologia pro-die
REGOLAMENTO DI UTENZA PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO - ATO N° 2
RICHIESTA DI NUOVO ALLACCIAMENTO ALLA RETE IDRICA
IL CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA
INSTALLAZIONE CONTATORE E ATTIVAZIONE
SCHEMA DI ALLACCIAMENTO ACQUEDOTTO CON DIMENSIONI DELLA NICCHIA O DEL POZZETTO PER L'INSTALLAZIONE DEL CONTATORE
IL PASSAGGIO DIRETTO DI UN CONTRATTO ACQUA - VOLTURA
LA FATTURAZIONE ACQUA
DISDETTA DEL CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA
LA RISCOSSIONE DI UN RIMBORSO ACQUA
DEPOSITI CAUZIONALI
LA RICHIESTA DI SPOSTAMENTO DEL CONTATORE ACQUA
ALLACCIAMENTO ALLA FOGNATURA
REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE



RICHIESTA DI NUOVO ALLACCIAMENTO ALLA RETE IDRICA

Per un nuovo allacciamento alla rete idrica, è necessario richiedere il preventivo di spesa rivolgendosi direttamente allo sportello dell’Azienda Multiservizi Casalese S.p.A. per telefono oppure via prontoweb; successivamente, sarà l’Ufficio Tecnico a contattare l’utente per fissare la data del sopralluogo. Dopo il sopralluogo verrà inviato il preventivo di spesa. In caso di accettazione del preventivo da parte dell’utente, si procederà alla fatturazione su presentazione di uno dei seguenti documenti:

  • copia del contratto o dell’ultima fattura emessa da altra Azienda di servizio pubblico (ad esempio: energia elettrica) prestato negli stessi locali per i quali è richiesto l’impianto acqua, purché intestato al richiedente.
  • in edificio costruito prima del 30/1/1977: occorre dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, fatta dal proprietario, da consegnare c/o gli uffici dell’A.M.C., ai sensi degli art. 47 e 48, D.P.R. 445 del 28/12/2000; la dichiarazione è sottoscritta dall’interessato, inviata insieme alla fotocopia non autenticata di un documento di identità.
  • in edificio costruito dopo il 30/1/1977: occorre dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà contenente gli estremi della concessione edilizia, permesso o D.I.A. oppure dell’eventuale condono edilizio fatto dal richiedente il servizio presso gli uffici dell’A.M.C., ai sensi degli art. 47 e 48, D.P.R. 445 del 28/12/2000; la dichiarazione è sottoscritta dall’interessato, inviata insieme alla fotocopia, non autenticata di un documento di identità.

L’Ufficio Tecnico procederà con l’esecuzione dei lavori secondo i tempi previsti dalla Carta dei Servizi.