Ciclo idrico

informazioni
per l’utenza

Tipologia Contratto Acqua

Documenti Necessari

A03 - Attivazione fornitura

Documento d'identità dell'intestatario

 

Verbale di nomina dell'amministratore e codice fiscale qualora sia da intestare a un condominio

 

Visura camerale (qualora sia da intestare a una persona giuridica)

 

Eventuale delega, corredata dal documento del delegato

 

Dati catastali del locale servito

 

Estremi concessione edilizia o dichiarazione di costruzione dell'immobile antecedente il 30/1/77 o contratto/bolletta altro servizio con stessa ubicazione e stessa intestazione

 

Dichiarazione caratteristiche impianto redatta dall'idraulico e corredata dalla propria visura camerale

 

Riferimenti del punto di riconsegna realizzato

A02 - Riattivazione o Subentro

Documento d'identità dell'intestatario

 

Verbale di nomina dell'amministratore e codice fiscale qualora sia da intestare a un condominio

 

Visura camerale (qualora sia da intestare a una persona giuridica)

 

Eventuale delega, corredata dal documento del delegato

 

Dati catastali del locale servito

 

Matricola del contatore da riattivare

S01 - Voltura

Documento d'identità del nuovo intestatario

 

Verbale di nomina dell'amministratore e codice fiscale qualora sia da intestare a un condominio

 

Documento d'identità del vecchio intestatario

 

Visura camerale (qualora una delle parti sia una persona giuridica)

 

Eventuale delega, corredata dal documento del delegato

 

Dati catastali del locale servito

 

Lettura del contatore

S02 - Voltura Mortis Causa

Documento d'identità del nuovo intestatario

 

Verbale di nomina dell'amministratore e codice fiscale qualora sia da intestare a un condominio

 

Visura camerale (qualora sia una persona giuridica)

 

Documento d'identità del/degli eredi del de cuius

 

Certificazione decesso

 

Dichiarazione degli eredi con la quale indicando il proprio stato e dichiarano come effettuare eventuali rimborsi

 

Eventuale delega, corredata dal documento del delegato

 

Dati catastali del locale servito

 

Lettura del contatore

A decorrere dal 1/1/13, le nuove condizioni di polizza sono quelle applicate dalla compagnia “Aris" e attualmente in vigore.

Con l’entrata in vigore del DPR 59/2013 e conseguentemente ai chiarimenti forniti dalla Regione Piemonte, dall’ATO 2 Piemonte e dalle Province di Alessandria e Vercelli si comunica che tutti i procedimenti di autorizzazione allo scarico di acque reflue provenienti da scarichi produttivi in pubblica fognatura, inclusi i rinnovi, sono soggetti alla procedura di

                                                            Autorizzazione Unica Ambientale (AUA)

A quali imprese si applica

A tutte le imprese non soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e a valutazione d'impatto ambientale (VIA) che abbiano necessità di ottenere almeno uno dei titoli previsti all’art. 3 del DRP 59/2013; ad esempio l’autorizzazione agli scarichi di acque reflue di cui al capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

Durata

L’Autorizzazione Unica Ambientale ha una durata pari a 15 anni dalla data di rilascio.

A chi va presentata la domanda 

La domanda va presentata allo Sportello Unico per le attività produttive (SUAP) competente per territorio.

Normativa di riferimento 

DPR 59/2013 del 13/03/2013 – G.U. n° 124 del 29/05/2013 – serie generale

Per chiarimenti 

Per eventuali chiarimenti Vi invitiamo a rivolgervi presso l’ufficio tecnico di AMC S.p.A.  ing. Enrico Cavalli (0142/334406 – cavalli.enrico@amcasale.it)  geom. Daniele Voltarello (0142/334476 – voltarello.daniele@amcasale.it)

Link utili

Provincia di Alessandria: http://www.provincia.alessandria.gov.it/index.php?ctl=prodotti&fl=singola&idbl=272&blpd=108&id=278 Provincia di Vercelli: http://www.provincia.vercelli.it/index.php?show=detail&ID=2632

 

 LA BOLLETTA DEL SERVIZIO IDRICO : 

BOLLETTA SERVIZIO IDRICO

per informazioni più dettagliate consulta l’atlante del consumatore https://www.arera.it/atlante/it/idrico/capitolo_6/elenco_domande_paragrafo_1.html

 IL CRITERIO DI FATTURAZIONE PRO-DIE : 

Metodologia PRO-DIE

 PERIODICITA' DI FATTURAZIONE : 

CALENDARIO PERIODICITA DI FATTURAZIONE

 

Dal 1 luglio 2018 sarà possibile richiedere il bonus sociale idrico o bonus acqua per la fornitura di acqua. Si tratta di una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale. 

E' stata prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, emanato in forza dell'articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all'anno),corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali

Per un nuovo allacciamento alla rete idrica, è necessario richiedere il preventivo di spesa rivolgendosi direttamente allo sportello dell’Azienda Multiservizi Casalese S.p.A. per telefono oppure via prontoweb; successivamente, sarà l’Ufficio Tecnico a contattare l’utente per fissare la data del sopralluogo. Dopo il sopralluogo verrà inviato il preventivo di spesa. In caso di accettazione del preventivo da parte dell’utente, si procederà alla fatturazione su presentazione di uno dei seguenti documenti:

  • copia del contratto o dell’ultima fattura emessa da altra Azienda di servizio pubblico (ad esempio: energia elettrica) prestato negli stessi locali per i quali è richiesto l’impianto acqua, purché intestato al richiedente.
  • in edificio costruito prima del 30/1/1977: occorre dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, fatta dal proprietario, da consegnare c/o gli uffici dell’A.M.C., ai sensi degli art. 47 e 48, D.P.R. 445 del 28/12/2000; la dichiarazione è sottoscritta dall’interessato, inviata insieme alla fotocopia non autenticata di un documento di identità.
  • in edificio costruito dopo il 30/1/1977: occorre dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà contenente gli estremi della concessione edilizia, permesso o D.I.A. oppure dell’eventuale condono edilizio fatto dal richiedente il servizio presso gli uffici dell’A.M.C., ai sensi degli art. 47 e 48, D.P.R. 445 del 28/12/2000; la dichiarazione è sottoscritta dall’interessato, inviata insieme alla fotocopia, non autenticata di un documento di identità.

L’Ufficio Tecnico procederà con l’esecuzione dei lavori secondo i tempi previsti dalla Carta dei Servizi.

 MODULO: RICHIESTA DI PREVENTIVO PER NUOVO ALLACCIO

 

 

Tutte le pratiche relative alla richiesta di fornitura di acqua si svolgono allo sportello dell’Azienda Multiservizi Casalese S.p.A.. Se il richiedente del contratto è persona fisica occorrono il codice fiscale, un documento di identità e dati catastali dell'immobile, se già accatastato. Se trattasi di attività occorrono la Partita IVA, una visura camerale in corso di validità e dati catastali dell'immobile, se già accatastato. Se trattasi di persona fisica Il contratto può essere firmato solo dall’intestatario o da una persona munita di delega, documento di identità proprio, documento di identità e codice fiscale dell’intestatario. Se trattasi di condominio Per utenza intestata ad un condominio il contratto deve essere firmato dall’Amministratore munito di documento di identità, copia della sua nomina e codice fiscale del condominioSe trattasi di attività Per utenza intestata ad una attività il contratto deve essere firmato dal titolare, dal Legale Rappresentante o da persona delegata, munita di documento di identità proprio e documento del Legale Rappresentante e delega redatta su carta intestata (vedasi modulo allegato).

Il Cliente dovrà specificare gli usi per la determinazione della tariffa. Si ricorda che nei contratti di fornitura ACQUA è richiesto il versamento di un deposito cauzionale legato agli usi e alle unità servite.

Per l’installazione del contatore, occorre presentare la dichiarazione prevista dall’Azienda rilasciata dall’installatore autorizzato che ha effettuato i lavori, allegando una visura camerale in corso di validità, documento di identità, codice fiscale, dati catastali dell’ immobile, copia bolletta di altro servizio pubblico o dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (come per un nuovo allacciamento) Si procederà così alla stipula del contratto di somministrazione e all’emissione della relativa fattura di attivazione.

SE C’E’ UN CONTATORE

Se il contatore è già installato ma risulta chiuso, si potrà procedere alla stipula del nuovo contratto di somministrazione presso lo sportello dell’Azienda portando il numero di matricola e la lettura del contatore, documento di identità, codice fiscale e dati catastali dell’ immobile. Qualora il contatore risulti ancora aperto, vedere procedura subentro. Con la firma del contratto si accetta l’applicazione del Regolamento d’utenza per l’erogazione del servizio idrico integrato e si ha diritto alla applicazione della Carta dei Servizi A.M.C. s.p.a.
Eventuali variazioni a quanto indicato alla firma del contratto devono essere comunicate subito all’Azienda.

Questo è il modo più rapido per fare un contratto poiché non comporta nessuna sospensione della fornitura. Per il passaggio diretto è necessaria la presenza contemporanea del vecchio e del nuovo intestatario muniti di documento di identità, codice fiscale e dati catastali dell’ immobile.
E’ indispensabile, inoltre, la lettura del contatore al momento del passaggio di utenza. Questa lettura impegna entrambi e rappresenta il punto di chiusura per il vecchio e l’inizio della fatturazione per il nuovo. Nel caso in cui il contratto di fornitura sia intestato a persona deceduta, è necessaria la presenza del parente più prossimo, o di una disdetta scritta dello stesso, e una copia dell'autocertificazione di morte.
Qualora non fosse possibile la presenza di entrambi, un delegato potrà presentarsi allo sportello munito, oltre che dei documenti sopra citati, di autorizzazione scritta dell'altra parte.
Se trattasi di persona fisica il contratto di subentro può essere firmato solo dall'intestatario o da una persona munita di delega, documento di identità proprio, documento di identità e codice fiscale dell'intestatario; se trattasi di attività è necessaria la presenza del vecchio e del nuovo Legale Rappresentante, muniti di una visura camerale recente, documento di identità, dati castali dell'immobile. Qualora il Legale Rappresentante non possa recarsi presso gli uffici potrà farlo una persona da lui delegata munita di delega redatta su carta intestata (vedasi modulo allegato),documento di identità suo e del Legale Rappresentante.

Il nuovo Cliente dovrà specificare gli usi per la determinazione della tariffa. Si ricorda che nei contratti di fornitura ACQUA è richiesto il versamento di un deposito cauzionale legato agli usi e alle unità servite.

La disdetta può essere data dall’intestatario o da persona delegata munita di delega scritta, documento d’identità dell'intestatario e documento proprio, oppure dal proprietario dell’ immobile. Per disdire un contratto di fornitura occorre: recarsi presso lo sportello dell’A.M.C. S.p.a., o spedire una lettera all’Azienda, oppure via prontoweb.
Qualora la disdetta sia effettuata a mezzo lettera deve essere: - firmata dall’intestatario dell’utenza o, se l'intestatario è deceduto, dal parente più prossimo, che dovrà allegare un'autocertificazione del decesso dell'intestatario ai sensi dell'art. 46, D.P.R. 445 del 28/12/2000; - spedita alla Azienda Multiservizi Casalese s.p.a. - Via Orti n. 2 - Casale Monf.to. Nella lettera devono essere indicati il numero telefonico con il quale concordare l’appuntamento per la chiusura del contatore e l’indirizzo al quale inviare la fattura finale.

Si ricorda che, qualora si verifichi un errore di lettura contatore e quindi l’emissione di una fattura con consumi diversi da quelli effettivi, è necessario recarsi presso lo sportello della A.M.C. s.p.a. che provvederà alle opportune rettifiche. Il diritto a riscuotere un rimborso può derivare o da un conguaglio positivo, dovuto qualora il Cliente abbia pagato bollette in acconto, ma il consumo del suo contatore sia sempre a zero, o dalla chiusura di un contratto.
Nel caso di conguaglio positivo, il rimborso viene regolato sulla prima bolletta utile, mentre in caso di cessazione di contratto, viene inviato l’assegno di rimborso.
Se il credito, in caso di utenza cessata, è inferiore ad € 10,00, il cliente deve recarsi presso gli sportelli dell'Ufficio Utenza per la riscossione in contanti, come indicato sulla relativa bolletta. Si ricorda che, in caso di decesso dell’intestatario, il rimborso può essere effettuato solo agli eredi legittimi previa presentazione di documento a valore legale (testamento o dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà).

Con Delibera 86/2013/R/idr e s.m.i. l'Autorità per l'Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico ha dato perentoria disposizione ai Gestori del Servizio Idrico di predisporre la restituzione dell'anticipo di fornitura versato all'atto della stipula del contratto, sulla prima fatturazione utile successiva al 30/06/2014, e di addebitare il valore del deposito cauzionale rideterminato in base a quanto previsto dall'articolo 4 comma 2 della medesima Delibera. Il nuovo valore del deposito cauzionale, pari al valore medio per tipologia di utenza dei corrispettivi unitari dovuti per un massimo di tre mensilità di consumo medio sarà addebitato in bolletta rateizzato in quattro quote.

Qualora il Suo consumo medio annuo sia inferiore a 500 metri cubi ed in caso di adesione alla tipologia di pagamento con addebito diretto SEPA, il deposito cauzionale parzialmente o totalmente versato Le verrà restituito nella prima bolletta utile.

Lo spostamento di un contatore è possibile solo se si è titolari del contratto, con l’autorizzazione del proprietario dell’immobile. Occorre fare la richiesta di spostamento presso gli sportelli dell’A.M.C. s.p.a; tale richiesta può essere fatta anche telefonicamente al numero 800 596 999  - Ufficio Utenza, oppure via prontoweb. Il tecnico preventivista contatta il Cliente e concorda un appuntamento per il sopralluogo al fine di stabilire la nuova posizione del contatore. Se la variazione comporta l’installazione di nuovi apparecchi o lavori anche parziali all’impianto interno, è indispensabile la dichiarazione prevista dall’Azienda rilasciata dall’installatore autorizzato che ha effettuato i lavori.

MODALITÀ DI RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI

E’ possibile richiedere la rateizzazione della bolletta entro e non oltre i 10 giorni successivi alla scadenza indicata sul documento.

Per richiedere la rateizzazione è necessario scaricare dalla sezione modulistica il format, compilarlo e trasmetterlo via mail a: rateizzazioni.idrico@amc.postecert.it.

Se la bolletta risulta domiciliata, per procedere alla rateizzazione ricordiamo che è necessario annullare l’addebito della singola bolletta presso il proprio Istituto Bancario o Postale. Solo in seguito sarà possibile procedere con la richiesta di rateizzazione.

AMC trasmetterà ai richiedenti una comunicazione con il piano di rateizzazione formulato in base ad una delle seguenti tipologie:

tipologia A) – piano secondo le disposizioni contenute nella Carta del Servizio ai sensi dell’art. 42 della RQSII “Regolamento della qualità contrattuale del servizio Idrico Integrato ovvero di ciascuno dei singoli servizi che lo compongono” (Allegato A alla Del. 655/2015/R/idr e s.m.i. emanata dall’Autorità di Regolazione Energia, Reti e Ambiente)

applicabile alla seguente casistica qualora l’importo della bolletta sia superiore di € 50,00:

  • l’importo della fattura da rateizzare deve essere superiore dell’ 80% rispetto la media degli importi delle fatture emesse negli ultimi 12 mesi  

tipologia B) – piano personalizzato “AMC” applicabile a tutte le bollette di importo maggiore di € 50,00

bollette importo compreso fra 50 e 500 euro

per un massimo di 4 rate mensili costanti

bollette importo compreso fra 501 e 2000 euro

per un massimo di 6 rate mensili costanti

bollette importo compreso fra 2000 e 4000 euro

per un massimo di 8 rate mensili costanti

bollette importo maggiore di 4000 euro

a partire da 8 rate per un massimo di 12 secondo istruttoria

La rateizzazione prevede l’addebito degli interessi (pari al TUR maggiorato di 3,5 punti) sulla prima bolletta utile successiva al pagamento della singola rata.

Rammentiamo infine che per mantenere attiva la rateizzazione è necessario:

  1. pagare le rate con i bollettini forniti o mediante lo sportello on line;
  2. pagare le rate nell’ordine stabilito
  3. rispettare le date di scadenza

 

EMERGENZA COVID 19

L’ARERA coerentemente con il Decreto della Presidenza del Consiglio ha prorogato fino al 3 maggio 2020 i provvedimenti con i quali aveva definito nelle scorse settimane il blocco delle procedure di sospensione delle forniture di energia elettrica, gas e acqua, confermando anche i criteri di rateizzazione definiti con la Delibera 117/2020/R/com.

AMC spa, per tutte le richieste di rateizzazione “piano personalizzato – tipologia B” relative a bollette che contabilizzano:

  • consumi bimestrali gennaio-febbraio
  • consumi trimestrali gennaio-marzo
  • consumi quadrimestrali gennaio-aprile
  • consumi semestrali gennaio-giugno

non addebiterà gli interessi.

Per la richiesta utilizza il format “richiesta dilazione Covid19” scaricabile nella sezione modulistica.

 

La richiesta di sopralluogo per la verifica delle condizioni tecniche necessarie per la fattibilità dell’allacciamento alla fognatura si effettua direttamente presso lo sportello dell’Ufficio Utenza dell’Azienda Multiservizi Casalese S.p.A., telefonicamente oppure via prontoweb, che darà indicazioni per il sopralluogo e per l’ottenimento dell’autorizzazione all’allacciamento. Verificate le condizioni di fattibilità di cui sopra, viene formulato il preventivo di allacciamento e inviato al richiedente. In caso di accettazione del preventivo occorre fare istanza di autorizzazione all’allacciamento alla fognatura, ai sensi della normativa vigente. All’atto del rilascio da parte dell’A.M.C. s.p.a. dell’autorizzazione e dopo il pagamento da parte del Cliente della fattura relativa al costo di allacciamento, l’Azienda provvede all’esecuzione dell’allacciamento.

Dal 01/01/2017 i contenuti del Regolamento di fognatura e depurazione sono integrati nel regolamento d’utenza in vigore dal 01/01/2017